martedì 3 marzo 2009

Salumerie a Parigi: Gilles Verot


Viene ritenuto il miglior salumiere di Parigi il suo si ritiene sia miglior prosciutto cotto di Parigi (Jambon de Paris), il migliore è la versione senza cotenna con osso dall'aroma inconfondibile di nocciola, possiamo trovare tutte le lavorazioni del maiale tipiche francesi, dallo stinco al patè con i pistacchi, alle lavorazioni della salumeria lionese, i prosciutti crudi dell'Alta Savoia leggermente affumicati, fromage de tete, boudin nero e salami e insaccati selezionati provenienti da tutta la Francia.

3 rue Notre Dams des Champs, 6ème, Tel.0145488332
7 rue Lacourbe, 15ème, Tel. 0147340103

7 commenti:

Fiordilatte ha detto...

Sto organizzano un weekend lungo a parigi e questo blog è davvero ricco di spunti interessanti!

ooooooh cavoli, ho realizzato solo ora che sei lo stesso Gunther di ricette vagabone eheheheh :)

cassandrina ha detto...

Jambon de Paris?!! Io conosco un prosciutto cotto che credo rechi delle somiglianze con quello che hai descritto tu.
Si tratta di un prosciutto cotto originario della Virginia, prodotto dalla macellazione di maiali nutriti a nocciole( e non solo credo).
Sai dirmi qualcosa al riguardo?

Molte grazie e un caro saluto

Fabiana

Fiordilatte ha detto...

chiedo umilmente scusa...andavo di fretta e ho preso "papille" per "ricette"...sorry :P

Gunther ha detto...

@fior di latte grazie
@cassandrina lo jambon de paris è un prosciutto cotto selezionato, deriva da aninmali selezionati lo loro alimentazione è costituita da mais,orzo, soia, il sapore nocciola è dato dagli aromi della cottura e marinatura ad alcuni subiscono anche una leggera affumicatura ceh accentua di più quel sapore

Ciboulette ha detto...

bè ci dovrò andare al prossimo viaggio a Parigi!

Gunther cosa è successo a ricette vagabonde? Blogger mi dice che può entrare solo chi è invitato??? :(

Chiara ha detto...

ciao!nn riesco più a leggere il tuo blog ricette vagabonde:((!

Altraparis ha detto...

Ottimo! Faremo un giro di assaggi. Nel frattempo mettiamo la cosa su www.altraparis.com.
Come sempre, grazie tante.

Stefano e Rachele